MIRRORING > EMIRATES FOUNDATION


 
SAMEAGE
Mostra finale di Mirroring, programma di residenze per artisti dagli Emirati Arabi Uniti.
A cura di Francesco Ragazzi & Francesco Urbano, Vittorio Urbani.
Con la collaborazione di Elisa Genna.
 
Inaugurazione: 29 Ottobre 2011, h 18
Oratorio di San Ludovico – Venezia. Calle dei Vecchi, Dorsoduro 2552.
Aperta fino al: 20 Novembre, dal Venerdì alla Domenica, dalle 15 alle 19.
 

Dopo aver promosso la mobilità degli artisti arabi in Europa attraverso convenzioni con Cité Internationale des Arts a Parigi e Delfina Foundation a Londra, la Emirates Foundation di Abu Dhabi aggiunge anche l’Italia all’elenco delle proprie mete. Lo fa a Venezia, attivando un programma di residenza curato da Associazione E in collaborazione con Nuova Icona.

A partire dal 21 Settembre 2011 e per sei settimane, la giovane artista Alaa Edris (Sharja, 1985) ha avuto modo di sviluppare la propria ricerca, confrontandosi con il contesto storico, sociale e culturale del capoluogo veneto. Missione impossibile, data la complessità del territorio lagunare? Certo che no, perché l’artista è stata affiancata da un team interdisciplinare cucito su misura per lei. Oltre ai curatori di Associazione E – Francesco Ragazzi e Francesco Urbano, hanno preso parte al progetto il direttore di Nuova Icona Vittorio Urbani, l’islamologa Ida Zilio Grandi (Università Ca’ Foscari), l’esperta di bizantinistica Anna Calia – borsista presso la Scuola Superiore di Studi Storici (Università di S. Marino). Ma non è tutto: il programma gode infatti della consulenza e supervisione di Salwa Mikdadi, direttrice dell’Arts & Culture Department della Emirates Foundation e studiosa tra le più esperte nel campo dell’arte contemporanea araba: sue la curatela del primo padiglione palestinese per la Biennale di Venezia e pubblicazioni come New Vision: Arab Contemporary Art of the 21st Century.

Alaa Edris è stata ospite in residenza nell’isola di San Giorgio presso il Centro Vittore Branca, dove ha avuto accesso allo sterminato patrimonio librario e fotografco della Fondazione Giorgio Cini Onlus, a contatto con ricercatori ed esperti di altri ambiti disciplinari.

I risultati della residenza sono stati presentati in un’esposizione intitolata “Sameage” che ha inaugurato sabato 29 ottobre 2011. La mostra ha preso la forma di una doppia personale: per tutta la durata del programma, Alaa Edris ha lavorato infatti con Valentina Roselli, artista torinese di base a Venezia.

Attraverso la loro collaborazione, due sguardi antropologici si incontrano, rendendo impossibile una netta distinzione tra ricercatore e oggetto della ricerca.

Non è tuttavia solo veneziano il programma di mobilità che è stato delineato. Durante le sei settimane di residenza infatti, sono stati organizzati due viaggi, a Roma e Milano, che hanno allargato ulteriormente lo scorcio aperto sulla cultura visiva italiana ed europea. Visite a mostre e tesori d’arte antica e contemporanea si sono affiancate ad incontri con artisti, curatori ed esperti di settore. Hanno aperto le proprie porte all’artista alcune tra le principali realtà italiane del contemporaneo: Via Farini e DOCVA, Hangar Bicocca, Fondazione Prada, Fondazione Marconi e Galleria Giò Marconi, Villa Medici, Istituto Svizzero di Roma, Fondazione Pastifcio Cerere, Fondazione Nomas, Fondazione Giuliani e altre.

 

Comunicato Stampa

Approfondimento

UNDO.NET 2Video: Consono. Alaa Edris and Valentina Roselli

 

Open publication - Free publishing

MIRRORING è promosso da Emirates Foundation.
Curato da Associazione E and Nuova Icona.
In collaborazione con Fondazione Cini Onlus
and Università Ca’ Foscari – Dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa Mediterranea.

Commenti

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers: